.
Annunci online

Venetoliberale
per la radicale alternativa liberale
 
 
 
 
           
       

“[…] Chi cerca nella libertà altra cosa che la libertà stessa è fatto per servire […]” (Alexis de Tocqueville)

 
28 agosto 2011

LEGALITA’

La battaglia di Marco Pannella e dei suoi compagni radicali per la convocazione straordinaria del Parlamento per discutere sulla questione “giustizia” e, quindi, amnistia, indulto, depenalizzazione e decarcerizzazione ha raggiunto un primo obiettivo: il Parlamento discuterà.

E’ significativo che gli unici onorevoli che non hanno voluto per nulla prendere in considerazione la richiesta siano stati i membri della Lega Nord e di Italia dei Valori. Gli uni e gli altri, pur apparendo antagonisti in realtà hanno come minimo comun denominatore una vocazione giustizialista e giacobina. Il loro manicheismo li rende refrattari a qualunque proposta liberale.

La questione giustizia è centrale sia che l’incendio finanziario-economico-politico si riesca a spegnere e sia, soprattutto, qualora giungesse il momento del “si salvi chi può” La questione giustizia si traduce nel ripristino della legalità, ossia del rispetto della legge di fronte a disapplicazioni o a interpretazioni addomesticate che sono effettuate sempre ai danni dei più deboli.

Il regime carcerario in Italia è frutto di disapplicazioni e di interpretazioni addomesticate delle leggi esistenti visto che la nostra Costituzione al secondo comma dell’art. 27 recita: “Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato”. Il sovraffollamento delle carceri non solo rende il trattamento detentivo contrario al senso di umanità e impedisce la rieducazione del condannato, ma rende difficile, oneroso e pericoloso il lavoro di tutti gli altri abitanti degli istituti penitenziari. Perciò l’amnistia è invocata soprattutto per le illegalità del regime e i vantaggi saranno goduti non solo dai detenuti che potranno vivere in ambienti più decorosi, dagli operatori degli istituti detentivi che potranno lavorare con meno pericolo, dai magistrati che potranno liberare il loro tavolo da fascicoli che ritardano i processi e dai cittadini che potranno avere risposte alla loro domanda di giustizia in tempi ragionevoli.(bl)



 

Ultime cose
Il mio profilo

Forum Veneto liberale
Rossi e Salvemini
Centro Pannunzio
Scelgo l'Italia
Associazione per l'uninominale
Pietro Ichino
Ernesto Paolozzi
per non mollare
MFE Castelfranco Veneto
Area d'Incontro
Nuova agenzia radicale
Velino
Comitati per la libertà
Circolo Benedetto Croce Ancona
La Voce
Forum di laici
Critica liberale
Politichiamo
Veneto radicale
Riviste di Benedetto Croce
Centro studi Piero Gobetti
Società libera
Trasnational Radical Party
blog liberali italiani
Polena
Istituto Bruno Leoni
Italia Laica
Legno storto
Centro Einaudi di Torino
Forces Italy
Libertà eguale
blog Italia laica
Pensalibero
Salon Voltaire
Patto veneto
Meno stato + mercato



me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     luglio        settembre