.
Annunci online

Venetoliberale
per la radicale alternativa liberale
 
 
 
 
           
       

“[…] Chi cerca nella libertà altra cosa che la libertà stessa è fatto per servire […]” (Alexis de Tocqueville)

 
19 settembre 2011

20 settembre

Cari amici e cari compagni,

Gaetano Salvemini scriveva nel 1957: “Siamo – se siamo – in regime di democrazia. In un regime siffatto la minoranza deve consentire che governi la maggioranza e la maggioranza oggi in Italia è conformista e governativa. Noi dobbiamo prendere atto di questa situazione e agire in conseguenza, cioè opporci alla maggioranza e a non scansar la lotta, coll’affermare che il paese non vuol sapere di seguirci per la nostra strada. In questo momento non ci segue: spetta a noi a convincerlo che ci deve seguire.”

Se si confrontano queste affermazioni con le parole degli antigovernativi attuali ci renderemo conto della notevole diversità che passa tra una personalità che giganteggia ancora oggi e la piccineria degli avversari di Berlusconi. E ci si meraviglia che Berlusconi ha goduto e gode del consenso della maggioranza?

Cosa ci insegna Salvemini. Ci insegna a “non mollare” e a convincere la maggioranza dei cittadini a seguire l’alternativa. Ma quale alternativa, o meglio quali contenuti dovrebbe avere l’alternativa?

Quella frase l’ho trovata scritta in un bel libro del 1957 contenente gli atti del convegno de “Il Mondo” su “Stato e Chiesa”. Salvemini, avanti negli anni, non vi partecipò ma inviò una lettera ai convegnisti esortandoli a chiudere il convegno “senza tante storie col domandare l’abolizione del Concordato”. Il convegno si chiuse accogliendo l’invito salveminiano con una mozione predisposta da Ernesto Rossi con la quale i partecipanti “si impegnano a dare tutta l’opera loro per creare una nuova situazione nel Paese che consenta l’abrogazione del Concordato e la instaurazione di un ordinamento giuridico di netta separazione dello Stato dalla Chiesa”.

Mi si dirà che questo è “vieto anticlericalismo”. Sì, lo riconosco. L’anticlericalismo è vietato dai benpensanti, da coloro che sono cascati nella trappola clericale della distinzione tra “sana laicità” e “laicismo”. Ma chi decide cosa sia la “sana laicità” se non gli stessi clericali? Ossia coloro che intendono per libertà non la scelta tra il poter peccare e il non voler peccare, ma il non poter peccare. Di qui la sovrapposizione tra il reato e il peccato.

Scriveva Benedetto Croce che con la liberazione di Roma dal potere temporale e con la sua proclamazione a capitale del regno un periodo storico si chiudeva. Si chiudeva il Risorgimento e si passava dalla “poesia alla prosa”. Quest’anno ricorre il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, perciò “sento” particolarmente questo Venti Settembre. Mi e ci ricorda che l’unità di Italia è avvenuta contro la volontà del Vaticano, mi e ci ricorda che per la sopravvivenza del potere temporale si batterono soldati austriaci, francesi, tedeschi, spagnoli ma non italiani, pur essendo battezzati e, formalmente, sudditi del papa.

“Sono figlio della libertà, e a lei devo tutto ciò che sono” è l’epigrafe sulla tomba di Camillo Benso, conte di Cavour, famoso per il motto, essenza della laicità, “Libera Chiesa in libero Stato”.

Lo scontro con il Vaticano è, oggi, ancora in atto.

Massimo Teodori, in un recente pamphlet pubblicato da Rubbettino “Risorgimento laico”, denuncia gli inganni clericali sull’Unità d’Italia. “Per ridimensionare il significato del Risorgimento – scrive Teodori – il vertice d’oltretevere svilisce le leggi liberali – definite ‘laiciste’ – promosse dal Parlamento subalpino prima e da quello italiano poi a opera della Destra.”. Ma non è solo una operazione culturale sul passato. La distinzione clericale tra “sana laicità” e “laicismo” serve al Vaticano per strumentalizzare politici “cattolici” affinché svolgano il loro ruolo vicario. Personalmente mi auguro che i politici “cattolici” si emancipino e si rendano conto che mentre per la Chiesa un regime vale l’altro, purché garantisca i privilegi conquistati, per i cittadini è utile un regime liberale che garantisce anche la libertà della Chiesa. Occorre che “Il Romano Pontefice può e deve riconciliarsi e venire a composizione col progresso, col liberalismo e colla moderna civiltà”. E’ il Sillabo di Pio IX l’errore!

La battaglia attuale per l’eliminazione dei privilegi fiscali vaticani è il coronamento di una linea politica liberale, perciò anticlericale che va sostenuta da tutti coloro che si dicono laici. Ed è l’occasione per iniziare a costruire un soggetto politico che possa opporsi validamente ad una probabile involuzione ultraclericale del regime, visti anche i recenti appelli di Monsignor Bertone e il progetto di legge sul biotestamento.

“Spretare l’Italia” era il programma politico di Settembrini ricordato da Ernesto Rossi nella prefazione a “Il Sillabo e dopo” ripubblicato da Kaos edizioni qualche anno fa. Ecco: l’alternativa dovrà essere anche anticlericale, altrimenti ci troveremo di fronte all’ennesimo fenomeno trasformistico.


9 settembre 2010

LEGGE ELETTORALE UNINOMINALE, LAICISMO E FEDERALISMO EUROPEO

MOZIONE

La direzione di Veneto liberale, riunitasi a Castelfranco Veneto, oggi 9 settembre 2010, esaminati i punti all’ordine del giorno

PREMESSO

che il XII congresso dell’associazione, svoltosi il 12 dicembre 2009, ha constatato il mancato raggiungimento delle priorità che si erano indicate nel congresso dell’anno precedente;

che in quella occasione si constatava il notevole indebolimento delle energie umane del sodalizio. rendendo particolarmente difficile perseguire il progetto dei "liberali con i democratici per la Riforma, a partire dal Veneto”;

che era, comunque, ribadita la necessità di un soggetto politico, più precisamente, un partito riformatore di liberali e democratici con l’obiettivo di farsi strumento per le modernizzazioni riguardanti le istituzioni (poter scegliere chi governa e punire - in modo democratico e nonviolento - chi non merita più il voto), l’economia (centralità del Mercato ed emarginazione delle corporazioni) e la società (libertà individuali dallo stato e dalla società etica), modernizzazioni che costituiscono la Rivoluzione liberale non realizzata dalle generazioni eredi del Risorgimento;

che, sino all’acquisizione di nuove opportunità, si decideva di concentrare la propria attività nel “Coordinamento castellano per la Libera Scelta” perché viene ritenuta indispensabile presidiare la frattura laicismo/clericalismo per il progetto dei “liberali con i democratici per la Riforma, a partire dal Veneto”;

che l’intervento dell’amministratore delegato della Fiat Sergio Marchionne, di giovedì 26 agosto al meeting di Comunione e Liberazione a Rimini, e la pubblicazione dell’appello per l’Uninominale, sul Corriere della Sera del 28 agosto, possono costituire i segnali di nuove opportunità per il rilancio del progetto dei "liberali con i democratici per la Riforma, a partire dal Veneto”;

DICHIARA

che l’intervento di Sergio Marchionne a Rimini ha indicato la consapevolezza, da parte di una importante componente dell’establishment, della necessità di nuove relazioni politiche (e non solo la necessità di nuove relazioni industriali) per affrontare la sfida dei tempi moderni, il che è coerente con la visione secondo la quale volgere la testa al passato è suicida e con la convinzione che il difetto dell’Italia è la mancanza di un progetto e di un leader che sappia dare corpo alla predetta necessità (ossia esprime una posizione riformatrice piuttosto che il tradizionale immobilismo conservatore caro ai poteri costituiti);

che il manifesto per l’uninominale pubblicato sul Corriere della Sera è un progetto di buona politica al quale hanno aderito personalità che possono costituire tanti possibili leader;

che l’attuale crisi del sistema, o meglio del regime partitocratico, (conseguente anche a divaricazione di posizioni politiche da parte di importanti componenti del regime) potrebbe diventare una occasione per imboccare la strada per la transizione verso la democrazia liberale o per dare sfogo al fondamentalismo illiberale, latente nella società, causando lutti e dolori;

DECIDE

di essere disponibile a partecipare, tutti e ciascun aderente a Veneto liberale, alle iniziative conseguenti al progetto evidenziato dall’appello per l’Uninominale, pubblicato sul Corriere della Sera del 28 agosto 2010, perciò a) presterà attenzione al seminario che si svolgerà a Roma il prossimo 23 settembre, che ha lo scopo di individuare la forma ‘tecnica’ della proposta di riforma elettorale da sostenere, b) aderisce, compatibilmente con altri impegni oggi non prevedibili, all’assemblea che si svolgerà il prossimo 7 ottobre;

di accantonare, per ora, la propria preferenza per il sistema maggioritario a turno unico con le primarie di collegio, ritenendo precipua una collaborazione leale con tutti coloro che preferiscono l’uninominale maggioritario al preferenzialismo proporzionalista.;

di ribadire la scelta laicista, già intrapresa con la partecipazione al “Coordinamento castellano per la Libera Scelta”, festeggiando l’anniversario del 20 settembre 1870 con un incontro conviviale e quella federalista europea fiancheggiando il Movimento dei Federalisti Europei, in singole iniziative coerenti con il “Manifesto di Ventotene” di Ernesto Rossi, Altiero Spinelli ed Eugenio Colorni.



 

Ultime cose
Il mio profilo

Forum Veneto liberale
Rossi e Salvemini
Centro Pannunzio
Scelgo l'Italia
Associazione per l'uninominale
Pietro Ichino
Ernesto Paolozzi
per non mollare
MFE Castelfranco Veneto
Area d'Incontro
Nuova agenzia radicale
Velino
Comitati per la libertà
Circolo Benedetto Croce Ancona
La Voce
Forum di laici
Critica liberale
Politichiamo
Veneto radicale
Riviste di Benedetto Croce
Centro studi Piero Gobetti
Società libera
Trasnational Radical Party
blog liberali italiani
Polena
Istituto Bruno Leoni
Italia Laica
Legno storto
Centro Einaudi di Torino
Forces Italy
Libertà eguale
blog Italia laica
Pensalibero
Salon Voltaire
Patto veneto
Meno stato + mercato



me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     agosto        ottobre