Blog: http://Venetoliberale.ilcannocchiale.it

UN UOMO LIBERO

LUIGI DE MARCHI


Ho conosciuto Luigi De Marchi in occasione di una riunione romana del Partito Radicale. Mi sono avvicinato a lui per manifestargli la mia riconoscenza per avermi dato l’opportunità di conoscere i radicali pannelliani.


Nel lontano 1973, alla vigilia del referendum sul divorzio, i radicali lanciarono una campagna referendaria (“8 referendum contro il regime”) alla quale, da liberale, avevo aderito. Vivevo nel foggiano ed a Foggia i radicali erano ospitati nella sede dell’AIED. Luigi De Marchi fu il fondatore di quella associazione che affrontava i temi dell’educazione demografica, temi che non sono certo obsoleti. Ricordo che anche l’esito del referendum del 18 aprile 1974 lo attesi nella sede dell’AIED assieme ad alcuni amici liberali, con alcuni dei quali avrei proseguitola mia avventura tra i radicali di Pannella.


Luigi De Marchi è stato un esempio di uomo libero. Si diceva “solista” proprio perché le sue convinzioni non permettevano compromessi di sorta. Forse, per questo, si è trovato bene, per molto tempo, nella famiglia dei radicali pannelliani. (bl)

Pubblicato il 3/8/2010 alle 15.49 nella rubrica Ricordo.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web